Monte Arvenis I/FV-310

Preparazione

Nuova uscita SOTA sul monte Arvenis. Lo scorso anno eravamo saliti dal comprensorio sciistico dello Zoncolan, mentre questa volta abbiamo raggiunto la cima salendo dal paese di Ovaro, ovvero dall’altro versante. Alla consueta comitiva IV3ZNK-IW3RPY, questa volta si unisce una “civile” non marchiata dal nominativo radioamatoriale. La prescelta si renderà conto a breve che l’invito le è stato formulato unicamente per sfruttare, non troppo velatamente, le sue incredibili qualità come fotografa!!!

Work in progress

Tornando all’ambito radio, l’attrezzatura odierna prevede un MCHF SDR aggiornato a tutte le ultime modifiche uscite (ed ancora in test) e un consueto Yaesu 817ND. La collaudata MFJ 1979 questa volta farà compagnia ad una 4+6 elementi V/UHF super leggera (boom in legno) che si dimostrerà alquanto performante. Propagazione in 20M molto variabile ma non fatichiamo a mettere a log quanto ascoltiamo. Rimango abbastanza stupito dei 144 MHz dove oltre a collegare i soliti amici appostati sulle consuete frequenze di chiamata, collego senza troppa fatica un ungherese ed un croato.

Dualband ultra light

Praticamente tutto quello che c’era in aria sui 2M viene collegato. L’antenna su progetto DK7ZB è tarata per banda satelliti, ma anche 1 MHZ sotto lavora davvero bene e con SWR praticamente nullo. La salita alla cima non è per niente impegnativa, ed è stata affrontata senza problemi anche dalla nostra “gradita” ospite. Considerato che nello zaino aveva un kit fotografico da studio professionale per un totale di circa 10 Kg, è riuscita ugualmente a gustarsi il panorama che spaziava dal Monte Coglians alla pianura. L’MCHF SDR con tutte le modifiche apportate è una gran bella radio e il DSP di cui è fornito ti permette di stringere in maniera fenomenale sul segnale da lavorare. Ottimo anche l’NB e finalmente affidabile la lettura del SWR, prima dell’upgrade molto variabile da banda a banda. Due settimane di microscopiche saldature che alla fine hanno portato alla realizzazione di qualcosa di cui andare fieri. Terminati i collegamenti, siamo rientrati alla vettura chiudendo un percorso ad anello. Tempo totale circa 3 ore di cammino.

Cima occupata

Contavamo di gustare qualcosa presso la malga Arvenutis ma purtroppo stavano lavorando per renderla operativa per il periodo estivo. Estremamente gentili però, ci hanno ugualmente accolto e abbondantemente dissetato a suon di birra e aranciata. Il motto della Regione Friuli V.G : ”Ospiti di gente speciale” è stato davvero rispettato!!! Inizia la stagione calda e le quote prescelte diventeranno quelle da 10 punti. Prossimamente saliremo su Coglians e sulla Cima del Cacciatore. Stay tuned… i miei migliori 73

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *