Manpack SE6861 – AEG – Telefunken

Per chi non lo conoscesse, stiamo parlando di un ricetrasmettitore che copre tutte le HF in SSB e CW con una potenza selezionabile in due step tra 2 e 20W. Fornito di accordatore automatico capace di far risuonare la ringhiera di casa. Il primo incontro con questa radio è stato alla fine degli anni 80 durante un’esercitazione militare congiunta con gli alleati della Nato.

Manpack AEG 6861

Mi ha subito stupito per quanto fosse “avanti” rispetto alle radio (RV) in dotazione agli italici Alpini. Robusta, con un suono chiaro e definito all’altoparlante e con quei 20 watt che si facevano sentire in maniera perentoria e senza esitazioni. La parte sintetizzatore era della R&S, la parte di potenza e l’accordatore della Siemens, mentre la commercializzazione e l’assemblaggio erano ad opera della AEG Telefunken. Ne sono stati prodotti meno di 5000 pezzi e una volta cessata la produzione le linee sono state smantellate. Purtroppo i pezzi di ricambio sono introvabili e i componenti come cornetta, antenna o altoparlante se disponibili costano quanto una moderna radio HF. Rivedere però tale manpack in vendita online ad un prezzo ridicolo confronto ai 10000 $ americani che venivo chiesti originariamente, è stata un’occasione da non lasciarsi scappare. Così qualche anno fa mi sono portato in casa questo pezzo di storia del periodo finale della “guerra fredda”. Era esattamente come me la ricordavo, intonsa, verde e pesante!!!

Schede interne

In dotazione c’erano unicamente il connettore d’alimentazione ed una cornetta non originale con per altro la capsula dell’altoparlante gracchiante. Dopo qualche primo test però si è manifestato un problema. La radio si accendeva ma non proferiva suono.

Cablaggi interni

Verificato lo stadio di alimentazione, i fusibili e quant’altro verificabile con le mie scarse capacità, alla fine riscontravo che una delle schede interne non era inserita correttamente sulla slitta. Breve intervento meccanico e la radio riprendeva le sue normali funzioni. La carenza di batterie originali e la difficoltà ad allestirne di complementari, mi ha sempre limitato ad utilizzare questa radio da postazione fissa, sacrificando quello che era il suo reale scopo di radio spalleggiabile.

Interno 3

Fortunatamente alla Fiera del Radioamatore di Pordenone del 2015, sono riuscito a procurarmi 2 pacchi batterie da 14V originali al prezzo di una pizza. Chiaramente le batterie erano esaurite ma il loro contenitore esterno era perfetto. Rimpiazzare i componenti interni con altri nuovi è stato un gioco da ragazzi e così dopo oltre 30 anni dalla sua radiazione, la 6861 è potuta tornare sulle montagne dove, con un filo da 20 metri collegato al suo incredibile accordatore, ha portato a casa una ventina di collegamenti SSB tra 40 e 20 metri.

Pacco batterie originale

Dopo 1 anno di collegamenti il dramma… l’alimentatore cinese che utilizzavo si rompe e la radio ad esso collegata non si accende più. Il guasto va oltre le mie capacità di comprensione elettronica motivo per cui mi affido a Mauro, un collega OM qui della zona che di elettronica ne sa ben più di me. Nel frattempo ho provato ad aiutarlo cercando le schede interne ed andando a contattare anche alcuni tra gli assemblatori di questa radio, disturbando mezza Germania e spedendo email a decine di possessori di questo manpack. Il responso però è stato sempre lo stesso… le radio e tutti i ricambi sono stati “radiati”… leggasi rottamati. A questo punto serviva un miracolo.

Controlli

Tale miracolo si è manifestato sotto forma di I5UPN Pierluigi che rispondendo ad un mio post sul forum del CROSEM, si è preso in carico la radio riparandola e portandola a nuova vita. Il guasto era localizzato sulla scheda Organizer. Sostituiti 4 integrati e 3 transistor (facile a dirsi) e la radio è tornata come nuova. Nonostante la ricerca di componenti originali per la 6861 sia sempre in atto, non ne potevo più di quell’audio gracchiante e di quella cornetta posticcia. Così ho deciso di correre ai ripari. Ho acquistato un altoparlante LS-166 ed all’interno dello stesso ho inserito i connettori per la cuffia, per il microfono e per il PTT/CW. Seguendo gli schemi e le indicazioni presenti sul forum del CROSEM è stato abbastanza facile. Ammetto che modificare e forare l’LS-166 è stato un sacrilegio, ma anche utilizzare una cornetta H33F/PT non era propriamente politically correct. Il risultato è nel video sotto allegato. Ora posso decidere di usare la cuffia e l’altoparlante contemporaneamente o tacitare quest’ultimo. Posso utilizzare una cuffia con microfono della Proel che “spinge” sufficientemente per contrastare la lentezza di elargizione della potenza in uscita, probabilmente così settata per risparmiare le batterie. Posso utilizzare il tasto CW come PTT in SSB e cosa non da poco, posso testare varie altre soluzioni microfoniche alla ricerca delle massime prestazioni senza dover ogni volta rifare tutti i collegamenti sull’unico NF07 in mio possesso. In effetti un altro connettore NF07 mi farebbe comodo ma trovarlo non è cosa facile…

I miei migliori 73

Un commento su “Manpack SE6861 – AEG – Telefunken”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *