Cobweb mono filo

Dopo due anni con la mia antenna Cobwebb sul tetto e migliaia di QSO mondiali, era ora di provare a passare a qualcosa di più performante. La scelta era ricaduta su una “nota” antenna dipolo rigido a “V” di cui avrei sicuramente apprezzato la possibilità dei 40M e che a detta di molti funzionava davvero bene. Orbene, la delusione è stata tale, che l’antenna è rimasta sul tetto per mezza giornata prima di venir riposta in cantina. A questo punto visto che ero in vena di esperimenti, ho deciso di replicare la Cobweb realizzando però la versione mono-filo alimentata con un balun 1:4 realizzato in maniera magistrale da Daniel che trovate su Ebay con il nickname di HIFI1200.

Il balun, comprensivo di RF Choking Guanella 1:1 è un capolavoro e viene fornito con le stampe del rapporto VNA.

Avendo già pronta una solida e leggera struttura in vetroresina, mi mancava solo di decidere quale conduttore utilizzare per la realizzazione dei dipoli filari. Ho effettuato 3 test:

  • 1) Cavo da 1.5 mm per impianti elettrici. Leggero. Non essendo sotto trazione non rischia di allungarsi. Resiste decentemente alle intemperie.
  • 2) Cavo da 1 mm di derivazione militare. Normalmente utilizzato per telefoni campali. Rame misto ad acciaio. Leggerissimo, sottilissimo, estremamente resistente e flessibile.
  • 3) Cavo da 2 mm in rame per impianti elettrici. Meno flessibile dei precedenti. Notevolmente più pesante.

Anche se a prima vista la scelta n°2 sembrerebbe la più scontata, è quella che nelle prove mi ha fornito la larghezza di banda più scarna ed il SWR più alto in fase di risonanza. Senza farvi attendere oltre, il vincitore è stato il cavo da 2 mm. Larghezza di banda superiore ai precedenti e SWR basso. Il cavo da 1.5 mm ha fornito valori intermedi.

Prima di passare a fornirvi i dati ed il responso del MiniVNA, vi suggerisco una lettura davvero interessante. la trovate al link: https://ac6la.com/aecollection9.html#93

Il grafico rappresenta la variazione della frequenza di risonanza di una Cobweb rispetto ad un dipolo standard a varie altezze rispetto la terra. Lo reputo particolarmente interessante perché, come ho potuto sperimentare oggi, l’antenna l’ho portata a risonanza ad un’altezza di circa 2 metri per poi alzarla a 5.5 metri senza trovare significativi scostamenti di frequenza.

Differenze tra COBWEBB e COBWEB

  1. Larghezza di banda maggiore con la Cobweb (mono-filo)
  2. SWR minore a risonanza con la Cobwebb (doppio filo)
  3. Rumore in ricezione leggermente più basso nella Cobwebb (opinabile se volete ma la mia sensazione è quella)
  4. Facilità costruttiva equivalente
  5. Resistenza eventi atmosferici equivalente (dipende chiaramente dalla struttura che utilizzate più che dal filo o dal balun).
  6. In caso di pioggia la Cobweb rimane stabile sulle frequenze definite mentre la Cobwebb slitta dalla banda SSB a quella CW abbassandosi di oltre 100 Khz.

A seguire le stampe del mio MiniVNA dopo la taratura dell’antenna.

Quest’ultima è quasi una provocazione… Si avete visto bene, risuona anche in banda ripetitori e satellite. Una comodità in più che lo scorso anno mi ha permesso più volte di entrare via APRS nella ISS e di realizzare qualche collegamento in FM con i satelliti tipo AO-58.

Mancano ancora i 50 MHz che attendono solo di venir installati ed un leggero ritocco ai 18 MHz e ai 21 MHz. Oggi non avevo più tempo, ma domani è un altro giorno e si vedrà…

I miei migliori 73

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *